Una settimana all’Ottantesimo Anniversario della Sezione “Mario Gianni”!

60444557_2216983008390877_1607829558537486336_n (1)Manca una settimana all’atteso ottantesimo anniversario della Sezione AIA di Lucca, fondata nel 1939 da Mario Gianni. Nobile figura di sportivo e organizzatore, maturata dopo molti anni di intensa attività, Mario Gianni costituiva un valido apporto per le squadre minori lucchesi ed era di prezioso ausilio per i giovani arbitri. Gianni scomparve tragicamente un anno dopo sul campo dell’Imola, colto da malore pochi minuti dopo aver iniziato a dirigere la gara Imola-Lugo, valevole per il campionato di Serie C. La celebrazione dell’anniversario della fondazione sarà occasione per la consegna del Premio Città di Lucca, che ha cadenza biennale. Il premio, assegnato nella scorsa edizione all’allora uscente Presidente del CRA Toscana Matteo Trefoloni, attuale responsabile CAN D, sarà quest’anno consegnato a Vittorio Bini, Presidente del CRA Toscana, nonché associato lucchese. Le celebrazioni si terranno venerdì 24 maggio, a partire dalle ore 17:30, nella splendida cornice del Palazzo Ducale di Lucca, edificato a partire dal 1300 a seguito della demolizione della Fortezza Augusta. Oltre al Premio Città di Lucca saranno consegnati alcuni riconoscimenti agli associati della Sezione che si sono particolarmente distinti per impegno e risultati raggiunti durante il passato biennio. Dopo la cerimonia e la visita alle sale di rappresentanza del palazzo, la serata si concluderà con la cena di gala presso il Ristorante San Colombano, situato sull’omonimo baluardo delle Mura di Lucca, il secondo esempio in Europa di mura Rinascimentali completamente integre e conservate, trasformate in grande parco cittadino da Maria Luisa di Borbone-Spagna, all’inizio dell’Ottocento. Presenti all’evento il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, il componente del Comitato Nazionale Sergio Perinello e il Sindaco della Città di Lucca, Prof. Alessandro Tambellini; a questi si aggiungono numerosi ospiti appartenenti ai vari OTN e al CRA Toscana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *